Ron Hacker and the Hacksaws – Goin’ Down Howlin’ (Self Rec., 2015)

Ron

Il musicista che presento quest’oggi, Ron Hacker, è originario di Indianapolis ma da anni vive a San Francisco e con questo nuovo album (il decimo) rivisita molti classici del blues, anche se l’album in realtà si apre con due brani di sua composizione; in seguito da libero sfogo alle cover ed alla musica di artisti che sono stati la sua diretta fonte d’ispirazione.
Nella classica formula in trio, che vede Artis Joyce al basso e Ronnie Smith alla batteria, e l’immancabile slide steel guitar, Ron Hacker ci consegna un bel dischetto. Si apre però in versione acustica con la canzone “Evil Hearted Woman” solo voce e chitarra; ma si passa presto ai fatti col boogie di “Big Brown Eyes” altro brano di sua composizione (poco più di due minuti e mezzo di durata con la coda musicale quasi troncata).
Sul fronte delle cover ritroviamo “Hate To See You Go”, un brano di Little Walter, suonato con gli stilemi classici del blues, senza la solita grinta del leader ma in maniera più pacata.
La successiva “Axe Sweet Momma” di Sleepy John Estes viene rivisitata con la slide sugli scudi in maniera elettrica; “Baby What You Want Me To Do” di Jimmy Reed è una delle canzoni che preferisco dell’album, viene rifatta in maniera davvero egregia, come anche il brano di Mississippi Fred McDowell “You Got To Move”.
Poi è la volta della famosa “Nadine” di Chuck Berry, di “Goin’ Down Slow” un blues lento qui rivisitato prima in una notevole versione elettrica, e poi in chiusura del disco in versione acustica. Un brano che hanno rifatto in molti artisti e che sicuramente verrà riconosciuto da molti di voi.
In seguito troviamo un sentito omaggio ad Howlin’ Wolf con ” Howlin’ For My Darlin’” alla quale segue “Goin’ To Brownsville”, un altro brano a firma Sleepy John Estes (l’ unico ad essere presente con due canzoni) e che Ron ci presenta col la slide che gira a mille.
Un album per appassionati del genere: un settantenne che con la slide è in grado di dare del filo da torcere a chiunque.

Voto: 7,0

Tracklist:

01. Evil Hearted Woman (Acoustic)
02. Big Brown Eyes
03. Hate To See You Go
04. Ax Sweet Momma
05. Baby What You Want Me To Do
06. You Got To Move
07. Nadine
08. Goin’ Down Slow
09. Howlin’ For My Darlin’
10. Goin’ To Brownsville
11. Goin’ Down Slow (Acoustic)

Annunci

Un pensiero su “Ron Hacker and the Hacksaws – Goin’ Down Howlin’ (Self Rec., 2015)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...