Whiskey Myers – Mud (Thirty Tigers Rec., 2016)

mud

Ecco finalmente il quarto disco della band di Palestine, Texas. Li seguo sin dal disco d’esordio “Road of Life” del 2008, ma è con “Firewater” del 2011 che hanno prodotto il loro capolavoro personale. Finora. Anche perchè molti sostengono che è col terzo disco “Early Morning Shakes” uscito nel 2014 che hanno fatto vedere di che pasta sono fatti. Di certo è che sono il gruppo più in forma della new breed del southern rock americano, assieme ai Blackberry Smoke, Black Stone Cherry, Delta Generators, Drive-By Truckers e pochi altri. Con la differenza che i Whiskey Myers hanno una marcia in più, secondo mio modesto parere: in primis un cantante come Cody Cannon in possesso di una bellissima voce (con affinità vicine a Don Henley ma anche alla gradevole voce di Jon Bon Jovi, ascoltatevi “Hank” per esempio) che consente al gruppo di poter spaziare con maggiore varietà nelle soluzioni musicali e poi il disco è prodotto da Dave Cobb, una nostra conoscenza che abbiamo visto responsabile di prodotti di altissima qualità come Chris Stapleton, Jason Isbell, Sturgill Simpson, Anderson East e tanti altri.

Apertura con “On The River”, acustica e violino sugli scudi, poi entra la sezione ritmica con un sound prettamente country e southern rock, ed è subito bella musica.
Tutto incentrato sulle variazioni di tonalità del violino e nel finale un assolo di elettrica che si interrompe di colpo.”Mud” è quasi hard rock, batteria marziale e cori femminili ma su tutti si erge la voce di Cody in questa canzone dai toni epici.
“Lightning Bugs And Rain” è un bel brano movimentato, supportato dai fiati; “Deep Down In The South” è una sorta di inno sudista contagioso mentre la successiva “Stone” è una bella ballata armata di pianoforte ed una dolce melodia, con un finale che però aumenta d’intensità e si riempie di elettricità.
“Trailer We Call Home” è una canzone country folk acustica e delicata, mentre nella successiva “Some Of Your Love” il southern rock si intreccia col soul grazie anche alla presenza dei cori femminili: esplosioni di voci si fondono con un sound massiccio e paludoso. “Frogman”, scritta insieme a Rich Robinson (ex Black Crowes) ha una struttura southern rock più classica e forse è la più scontata, mentre
“Hank” è un omaggio rispettoso ad Hank Williams proposto alla loro maniera, per chiudere in versione bluegrass da back porch con “Good Ole Days” dove i cori un poco alticci sono a supporto del mandolino dell’ospite Brent Cobb.
Un bignami di musica southern che reputo superiore al nuovo dei Blackberry Smoke (recensione prossimamente). Bentornati.

Voto: 7,5

Tracklist:

1. On The River
2. Mud
3. Lightning Bugs And Rain
4. Deep Down In The South
5. Stone
6. Trailer We Call Home
7. Some Of Your Love
8. Frogman
9. Hank
10. Good Ole Days
11. Ballad Of A Southern Man
12. Early Morning Shakes

Annunci

4 pensieri su “Whiskey Myers – Mud (Thirty Tigers Rec., 2016)

    • L’intento è proprio quello di far conoscere artisti e musica “di nicchia” che ascolto volentieri (ecco perchè trovi per la maggior parte dei casi dischi con giudizi più che positivi) e magari ricevere lo stesso da altri blogger. Grazie mille e sono contento di aver trovato un altro estimatore del southern rock. Ciao !!

      Liked by 1 persona

      • In effetti i nomi che hai citato li conosco bene, tipo Black Stone Cherry, ma questi mi sono proprio sfuggiti. Apprezzo molto gli ultimi lynyrd skynyrd, seppur lontani dai fasti trovo siano sempre di livello. Anche Kid Rock sta rielaborando il genere in maniera più che dignitosa.

        Liked by 1 persona

      • Rispetto ciò che dici ma non condivido sui Lynyrd Skynyrd, purtroppo per me non son diventati altro che la parodia di se stessi , tra l’altro la sfortuna si è accanita su questo gruppo che ormai di membro originale è rimasto solo Gary Rossington.
        Kid Rock sinceramente non lo etichetterei come southern rock ma fa del rock americano molto ruffiano con influenze country, southern e blues (ovvero il genere definito”americana”), tuttavia ammetto che anch’io lo ascolto con piacere, in particolare quando viaggio in auto.

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...