Van Morrison – Keep me singing (Caroline / Universal Rec.,2016)

front

 

Keep Me Singing , il nuovo album di Van the man , dopo ripetuti ascolti, posso affermare che rientra di diritto nella lista dei suoi migliori lavori del nuovo millennio. Ormai non inventa più nulla, propone la “solita” ricetta, ma di grande qualità. Prodotto dallo stesso Van Morrison, ci regala un disco dal suono caldo ed avvolgente, nitido, con tutti gli strumenti ben definiti, arrangiamenti ricchi con la forma della ballata malinconica a dominare nelle sue nuove canzoni.
Van Morrison è accompagnato dalla sua band, che comprende Fiachra Tench alle tastiere che affianca Paul Moran, le chitarre di Dave Kerry, Johnny Scott, Nigel Price e di John Platania in un paio di brani e Kate St. John al corno inglese. Van suona praticamente tutti gli strumenti qua e la nel disco (compreso la batteria!). L’inizio di “Let I Rhyme”, è malinconico ed autunnale; ben orchestrato, ha accenni country, molto bello il contrasto della voce di Van con il controcanto femminile.
“Every time I see a river”, scritta col noto paroliere britannico Don Black è un’ altra ballata rilassata con la tromba che riporta accenni jazzy e come sempre le harmony vocals che impreziosiscono la canzone.
La title track “Keep Me Singing” è un altro splendido esempio di grande musica, country/folk celtico e soul con le voci femminili di supporto, un assolo di armonica e la grande classe di Van che è tangibile; ormai è entrato di diritto da decenni tra i grandi della musica di tutti i tempi.
“Out In The Cold Again”,un’altra ballata autunnale dove è il piano a tracciare la melodia, poi la chitarra acustica ed il contrabbasso ma anche gli archi e il corno inglese riportano a quei brani dei crooner anni ’50.
Segue “Memory Lane” ancora una ballata avvolgente dai toni autunnali, malinconica con Van alla batteria ed alla voce; ha un refrain che è delizioso, parte in sordina poi entrano poco a poco tutti gli strumenti e la melodia ti riempie il cuore. Brividi di piacere.
Il disco prosegue con il brano blues “The Pen Is Mightier Than The Sword” con la chitarra elettrica e l’organo sugli scudi, con le backing vocals a dare verniciate black e soul al brano.
“Holy Guardian Angel” è un’altra ballata sontuosa che ricorda altri celebri brani di Morrison, con il piano di Paul Moran ancora protagonista di un sound corposo ed avvolgente solo da ascoltare. Grande Brano.
“Share Your Love With Me” è l’unica cover dell’album, un vecchio pezzo conosciuto nella versione di Bobby Bland , The Band e di Aretha Franklin e qui Van ci offre la sua versione da grande soul man bianco che non sfigura affatto, con i fiati e le tastiere sugli scudi.
“Tiburon” è una ballata splendida con il pianoforte e l’ organo in primo piano, archi in sottofondo, la seconda voce femminile ad accompagnare Van, poi la chitarra elettrica, armonica e la tromba che aggiunge toni jazz, mentre la sezione ritmica è accennata ma ben presente,comporta un suono magnifico.
“Look Beyond The Hill” è un brano jazzy introdotto dal piano e dalla tromba con le backing vocals che supportano la sua voce.Questo brano è stato scritto da Van più di quarant’anni fa ma ultimato proprio per questo disco.
“Going Down To Bangor” è un brano energico (finalmente!) genere blues e R&B con armonica e chitarra elettrica in primo piano e la bella voce di Van che si fa più “cattiva”.
“Too Late” è un brano gioioso con i fiati e le harmony vocals che virano al soul, anche in questo caso ricorda altre splendide canzoni del passato di Van ed è un piacere per le nostre orecchie poterla ascoltare.

Chiude il disco “Caledonia Swing” un brano strumentale che a dispetto del titolo è un R&B con l’ incedere quasi ska; è un gustoso finale con piano, sassofono, organo, la chitarra ed un violino sul quale scorrono i titoli di coda di questo ottimo lavoro del nostro irlandese preferito.
Direi che non rimane altro da dire, ormai Van Morrison è una garanzia di qualità ed il nuovo disco esce proprio nel periodo dell’anno che, ricco di toni caldi ed autunnali, ci può accompagnare nelle nostre serate fredde ed umide, aiutandoci a ricordare anche i recenti bei momenti dell’estate passata ed a darci la forza di passare un altro inverno ormai alle porte.

Voto: 7,5

Tracklist:

1. Let It Rhyme
2. Every Time I See A River
3. Keep Me Singing
4. Out In The Cold Again
5. Memory Lane
6. The Pen Is Mightier Than The Sword
7. Holy Guardian Angel
8. Share Your Love With Me
9. In Tiburon
10. Look Beyond The Hill
11. Going Down To Bangor
12. Too Late
13. Caledonia Swing

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...