Rodney Crowell – Close Ties ( New West Records, 2017)

cover

Il cantautore texano dalla carriera ormai quarantennale ( l’esordio discografico “Ain’t Living Long Like This” è datato 1977), torna con un nuovo lavoro di pura Americana a tre anni dl precedente “Tarpaper Sky” e lo fa nel migliore dei modi, dedicandosi alle proprie memorie, alla sua vita privata, sin dall’apertura con “East Houston Blues”, un bel brano country blues acustico con l’abile supporto delle percussioni e delle background vocals, che evoca l’infanzia dell’artista in Texas.
“Reckless” altra ballata d’atmosfera che si apre con una chitarra acustica che accompagna la voce di Crowell, poi il brano prende forma con l’ingresso di un violino, organo ed archi che ci regalano una bella coda strumentale.

“Life Without Susanna” brano elettrico rock’n’country impreziosito da un’armonica lancinante, è dedicato alla moglie di Guy Clark e musa ispiratrice ai suoi esordi, descrive il rapporto di affetto profondo che prova ancora per quella che definisce come una sua seconda madre.
“It Ain’t over Yet” è una ballata country folk con la partecipazione vocale di John Paul Williams e della sua ex moglie Rosanne Cash, mentre “I Don’t Care Anymore” è un incalzante brano di country blues elettroacustico con Crowell che sciorina le parole in rima quasi fosse un talkin’.
“I’m Tied to Ya’” delizioso brano che vede ospite alla voce Sheryl Crow, una ballata suonata egregiamente dove si mettono in mostra tutti gli strumenti.
“Forgive Me Annabelle” triste ballata d’amore con una linea melodica molto simile alle canzoni di Elton John: archi in sottofondo ed un testo che ripercorre le vicende di una storia d’amore finita male.
“Forty Miles From Nowhere” ancora una canzone piena di nostalgia, con il piano ed archi in evidenza, rendono bella ed intensa la melodia.
Con “Storm Warning” si cambia registro ed il brano è rock , abile il supporto del violino e dei cori per il brano più elettrico del disco con ottimi assoli alla chitarra, sembra un brano inedito dei Travelin’ Wilburys.

In chiusura il brano “Nashville 1972” nostalgica celebrazione del periodo in cui Rodney iniziò a muovere i primi passi nella capitale della country music insieme a Steve Earle, Richard Dobson e Bob McDill.
Disco crepuscolare e pieno di nostalgia ma se lo apprezzi non riuscirai a liberartene.

Voto: *** 1/2

Tracklist:

01. East Houston Blues
02. Reckless
03. It Ain’t Over Yet (John Paul White, Rosanne Cash)
04. Life Without Susanna
05. I’m Tied To Ya’(Sheryl Crow)
06. I Don’t Care Anymore
07. Storm Warning
08. Forgive Me Annabelle
09. Forty Miles From Nowhere
10. Nashville 1972

Annunci

Un pensiero su “Rodney Crowell – Close Ties ( New West Records, 2017)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...