Graziano Romani – Soul Crusader Again (Route 61 Music, 2017)

Graziano

 

 

Sono più di trent’anni che conosco Graziano: prima è arrivata la musica dei Rocking Chairs (ricordo ancora come fosse ieri quando nel 1987 diedi la cassetta del loro primo album “New Egipt” a Svisa, DJ di Radio West Alessandria, per cercare di invogliarli ad organizzare un concerto nella mia città ma poi non se ne fece nulla – e la cassetta non tornò più al suo proprietario- negli anni successivi mi presi la mia rivincita organizzando un paio di concerti di Graziano, ormai in veste di solista, al Thunder Road di Codevilla) poi di persona, i tanti concerti e la musica dei suoi dischi solisti.

A sedici anni dal precedente tributo di Graziano alle canzoni di Bruce Springsteen, intitolato “Soul Crusader” (2001) esce un nuovo disco tributo “Soul Crusader Again” inciso a Rubiera (RE) e prodotto da Graziano ed Ermanno Labianca, un nome ed una garanzia in fatto di buona musica, in particolare quando è legata all’ ispirazione springsteeniana; tramite l’ etichetta discografica Route 61 Music.
Tra i due dischi l’artista emiliano non è stato certo inattivo, anzi, di seguito tutti i dischi pubblicati da Graziano dal 2001 ad oggi:

Sings Bruce Springsteen 1987-2017 (Solo vinile 33 Giri)
DIABOLIK, GENIUS OF CRIME (Panini Comics, 2016)
VIVO/LIVE (Route 61 Music, 2015)
YES I’M MISTER NO (Panini Comics, 2014)
MY NAME IS TEX (Panini Comics, 2011)
ZAGOR KING OF DARKWOOD (Coniglio Editore, 2009)
BETWEEN TRAINS (Freedom Rain, 2008)
TRE COLORI (Freedom Rain, 2007)
CONFESSIONS BOULEVARD (Freedom Rain, 2006)
PAINTING OVER RUST (Freedom Rain, 2004)
UP IN DREAMLAND (Freedom Rain, 2003)
SPARKS OF PASSION: BEST AND RARITIES (Rocking Chairs, Ala Bianca/River Nile 2002)
LOST AND FOUND: SONGS FOR THE ROCKING CHAIRS (Freedom Rain, 2002)
STORIE DALLA VIA EMILIA (Freedom Rain, 2001)

Dopo aver visto Bruce dal vivo nel 1981 a Zurigo (tra il pubblico l’affluenza dei fans italiani fu massiccia) Graziano racconta che rimase colpito a tal punto da formare i fantastici Rocking Chairs, che nel giro di pochi anni divennero un gruppo di culto tra gli molti appassionati di rock americano.
Come già capitato nel primo tributo, Graziano sceglie con attenzione le canzoni che poi inserisce nel disco, quelle che più si adattano al sound da lui preferito, un rock’n’ soul decisamente godibile e per l’occasione si fa aiutare da Erik Montanari alla chitarra, il suo vecchio pard Max Marmiroli al sax, Nick Bertolani (batteria) e Lele Cavalli (basso) in prestito dai Wild Junkers (ottima band che rilegge brani rock a stelle e strisce), Gigi Cavalli Cocchi (batteria) e Franco Borghi (ex Chairs )alle tastiere.
Graziano Romani è dotato di una voce che non ha eguali in Italia (secondo mio modesto parere) è potente e vigorosa, impregnata di soul e capace di cantare qualsiasi cosa.
“Hold On (To What You Got)” apre le danze con una versione più tosta di quella registrata da Gary U.S. Bonds, poi è il turno della canzone “Protection” scritta da Bruce per Donna Summer nel lontano 1982. Segue “Because The Night”, forse il brano più conosciuto tra quelli presenti ma è rivisto ottimamente.
“Club Soul City” e “Love’s On The Line”, entrambe tratte dal disco del 1982 “On The Line” di Gary U.S. Bonds (andate subito a riscoprire i suoi due album prodotti da Springsteen & Steven Van Zandt, mi ringrazierete!) sono riproposte egregiamente: la prima è un poco l’emblema della musica di Graziano, una ballata soul che gli springsteeniani conoscono molto bene (consiglio anche la versione di “Killer” Joe D’Elia che in compagnia di Max Weinberg nel 1991 pubblicò un ottimo album r’n’b/soul dal titolo “Scene of the Crime”) che fa scorrere brividi di piacere mentre la si ascolta, bello l’assolo di chitarra nella parte centrale del brano, poi il resto lo fa la voce di Graziano, che in questi brani diventa notevole. “Love’s On The Line” è un’altra ballata ma più essenziale, con accenni rock, un pizzico di Asbury Sound e l’ armonica (che sostituisce il sax della versione originale) che chiude il cerchio.

“Man At The Top” è uno dei vertici dell’album, grande canzone un poco trascurata dal Boss (mai pubblicata su un album, vide poi la luce nel cofanetto “Tracks”) organo e sezione ritmica in grande spolvero, ci donano una versione stupenda, intensa e piacevole da riascoltare di continuo.
“Lift Me Up” il brano originale non mi è mai piaciuto molto, ma qui il falsetto nella voce scompare e la versione proposta da Graziano e compagni è veramente notevole, superiore a quella incisa da Bruce, con il sax di Marmiroli in sottofondo ad impreziosire il tutto.
Ancora il sax ad aprire “Lion’s Den”, altro estratto dal cofanetto Tracks, è un brano dal classico Asbury Sound e Marmiroli diventa meritato coprotagonista nella resa del brano. “I Wanna Be With You” rimasta fuori dal capolavoro The River è poi ripescata negli anni seguenti da Bruce per il suo valore e qui la ciurma gli rende giustizia riproponendola in maniera simile all’ originale, giusto un pizzico più rock.
“The Long Goodbye” tratta da Human Touch del 1992 viene riproposta in versione più folkie, elettroacustica con l’aggiunta dell’harmonium che da un tocco originale.
Di “Factory”, ascoltata recentemente dal vivo da Daniele Tenca, c’è poco da dire e da aggiungere; un gioiellino che ad ogni ascolto mi commuove e questa versione è tra le migliori ascoltate da sempre.
Chiude “The Promise” brano già edito, tratto dal disco tributo del 2003 intitolato “Light Of Day” non fa che confermare quanto impegno e passione ci mette Graziano Romani nei suoi progetti musicali.
A questo punto, e parlo direttamente a Graziano: non facciamo passare altri tre lustri per il terzo capitolo, che ora diventa per noi una reale necessità.

Voto: ***1/2

Tracklist:

Hold On (To What You Got)
Protection
Because the Night
Club Soul City
Love’s on the Line
Man at the Top
Lift Me Up
Lion’s Den
I Wanna Be with You
The Long Goodbye
Factory
The Promise

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...