Kenny Feidler – The Cowboy Killers ( Self Release, 2019)

cover

https://www.kennyfeidlermusic.com

Mi è capitato di ascoltare questo artista per caso e subito mi sono sentito in sintonia dopo aver ascoltato il suo ultimo disco. Kenny Feidler è cresciuto a Baltimora, nel Maryland. Appassionato della musica di Chris Ledoux, ha iniziato a cavalcare e partecipare ai rodei e si è trasferito nell’Oklahoma occidentale. Lungo la strada ha iniziato a scrivere canzoni per celebrare i cowboy dei rodei e con le registrazioni fatte in casa e poi vendute sul retro di una Cadillac a fine giornata, Feidler si è creato col tempo un fan-base solo tramite il passaparola che poi si è amplificato con i social media e le piattaforme digitali. Artista indipendente, ha una sua band che comprende Clade Schuelke (Chitarra) Scott Sweet (batteria) e Mike Hernandez (Basso), con il loro ultimo album “The Cowboy Killers” si sono trasformati in una autentica rock band solo venato di alt-country.
La voce è particolare, il suono è tosto e chitarristico, sin dall’iniziale “Rambling Ways”, un incrocio tra outlaw country e southern rock, voce rauca e potente ti danno la benedizione.

“Runaway” è più introspettiva, un bel brano roots rock che si ricollega in parte con quanto prodotto prima di questo disco, che è decisamente più virato al rock, “Cosmic Cowboy” ballata notturna ai margini del confine che poi si trasforma in un brano rock blues trascinante, sino alla deliziosa “Cowboy Killers” immersa nella provincia americana con i sussulti elettrici degni di un brano di heartland rock. Nel mezzo “Miles City” acustica ed intimistica, quasi malinconica.
“Bronc Fighter Blues” è un bel roots rock orecchiabile mentre “No Cars” è un grazioso brano arioso e di stampo classico contrappuntato da un’armonica, ma la successiva “Put Em in the Ground” è qualcosa che non ti aspetti e si raggiunge l’apice del disco: la voce aspra di Kenny unita ad improvvisi e taglienti assoli di chitarra ti ridanno la forza di proseguire nella tua misera quotidianità.

La chiusura è affidata ad un altro brano di ottimo livello: “Pale Horse Reprise”
è rock con gli attributi, le chitarre infilano rasoiate potenti a supporto della voce rauca di Kenny. Artista che ha saputo evolversi ed al quale auguro piena visibilità.

Voto: ***1/2

Tracklist:

1. Rambling Ways
2. Runaway
3. Cowboy Killers
4. Miles City
5. Cosmic Cowboy
6. Bronc Fighter Blues
7. No Cars
8. Put Em in the Ground
9. Pale Horse Reprise

2 pensieri su “Kenny Feidler – The Cowboy Killers ( Self Release, 2019)

  1. Bella domanda… che purtroppo non posso eguagliare con una degna risposta. Sono decine i libri, dischi e film che potrei nominare , ma non me la sento di porre al di sopra di tutti gli altri un solo titolo per tipo. Ogni “scoperta” rimane unica ogni qualvolta ti capita, come per questo disco. Ciao e grazie per il commento. Buona settimana !

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.